Riesci davvero a riposarti?

“Aaaaah che bella la domenica, un po’ di relax e di riposo… Ecco! Potrei fare la lavatrice, poi sistemare i piatti della cena di ieri sera, poi già che ci sono potrei dare una sistemata a quelle carte sulla scrivania che mi aspettano, cosi le tolgo di mezzo, poi dopo potrei rispondere a un paio di mail che mi sono rimaste in sospeso dalla settimana e poi…”


E poi, ciao riposo. E ciao recupero, benessere, ricarica.

 

Ti ci ritrovi?

 

Io ero solita chiamarla “l’insostenibile nullafacenza della domenica”: Il momento di riposo che non è più riposo, ma un recupero di tutte le cose non fatte della settimana.

 

Insomma, altro lavoro.

 

Ed è cosi che inizia l’esaurimento, il sintomo centrale del burn-out: comprende una profonda stanchezza fisica, cognitiva ed emotiva che mina la capacità di sentirti capace e positivo rispetto a quello che stai facendo (lavoro o vita privata che sia).

 

Quando entri in questo stato, scopri di non essere in grado di concentrarti, o di vedere il quadro generale. Anche le attività che prima erano divertenti sembrano ardue e diventa difficile andare avanti.

 

Se ti interessa ritrovare un po’ di pace, ecco un piccolo esercizio di 10 minuti che puoi fare oggi e che ti può aiutare a recuperare il tuo centro:

 

– trova un posto per te comodo, nel luogo dove ti trovi, in cui non ci siano rumori troppo forti

 

– cerca un foglio e una penna, e lasciali davanti a te (ci serviranno dopo)

 

– lascia il telefono, il computer su un tavolo lontano da te, spegni la tv

 

– ora chiudi gli occhi, respira e osserva il tuo respiro, senza cercare di modificarlo. Osserva come l’aria entra ed esce dal tuo corpo. Osserva se e cosa sta cambiando mentre lo fai.

 

Ascolta il tuo corpo: come sei seduta/o? Sei in una posizione comoda o scomoda?

In quali punti sei rilassato e in quali senti tensione?

 

per qualche minuto, occupati soltanto di osservare il corpo che abiti e che ti sostiene tutti i giorni in quello che fai.

 

Quando senti che è il momento giusto per te, riapri gli occhi, prendi carta e penna e scrivi ciò che hai osservato in questa esperienza, il messaggio che il tuo corpo ti ha lasciato.

 

Poi rileggilo: che effetto ti fa?

 

Se ti va, puoi scrivermi e condividere come è andata l’esperienza!

 

Io intanto lo faccio con te, mi dedico 10 minuti!

 

SE TI SENTI PRONTA PER USCIRE DALLA TRAPPOLA DELL'ANSIA E VUOI TORNARE A SORRIDERE, LIBERA DAI PESI SUL CUORE E DI NUOVO PADRONA DELLA TUA VITA