dott.ssa elena formica

Con che animo ti impegni per raggiungere la tua felicità?

Quando ero una bambina mi arrampicavo come una scimmietta tra i mobili di casa, perchè volevo fare la ginnasta.
 
Con buona pace di mia madre che si dannava preoccupata che battessi la testa ogni 5 secondi, come ogni bambino non mollavo nemmeno di un cm dietro alle sue raccomandazioni.
 
Con tenacia, provavo e riprovavo. Ruote, rondate, spaccate.
 
Lo stesso movimento milioni di volte, mettendoci tutta la forza che avevo, senza preoccuparmi degli spigoli, della fatica e delle cadute.
 
Passavo pomeriggi interi in questo modo, tra la madia e il tavolino, in movimento.
.
(Poi per fortuna è arrivata l’età per mandarmi a ginnastica artistica e mia madre è tornata a respirare)
 
Oggi sono tornata a Firenze e a casa ho ritrovato quella madia e quel tavolino (ebbene si, mi sono sopravvissuti 😂) ed è partito il film dei ricordi.
 
 
 
Vedo la stessa energia e la stessa determinazione nei bambini dei miei amici e ho riflettuto come a quell’età:
 
🌱 nutriamo una #fiducia piena nelle nostre capacità, zero dubbi, zero domande.
 
🌱abbiamo voglia di trovare il modo di seguire ciò che veramente ci rende #felici a prescindere dal contesto e dagli sguardi esterni, anche (e soprattutto) se non siamo nel posto giusto.
 
🌱 ci tengono compagnia #determinazione e voglia di impegnarsi (altro che ansia e sensi di colpa…).
.
E mi è sorta una domanda, che ti faccio:
.
Quanto sarebbero fondamentali per la tua vita di adesso tutte queste cose se solo ti lasciassi libera di esprimere ciò che hai sempre posseduto?
.
Perchè questa libertà ti ha sempre abitato, è sempre stata lì e non è scomparsa, l’hai solo coperta con altro, l’hai ri-vestita di strati.
.
Nel mio lavoro spesso le sedute “sono piene”: le persone che seguo arrivano con i cuori colmi di disagio, sofferenza, parole, giudizi, critiche, colpe, pesi.
.
Per questo la chiave spesso sta nel “fare vuoto”.
.

Cosa succederebbe se tu iniziassi a togliere:

.
👉🏻 tutti i “non mi riesce” che ti dici (chi lavora con me sa che questa è una frase tabù che andrà riformulata…e si starà facendo una risata adesso 😅)?
 
👉🏻 tutti i “non si può” che pensi?
 
👉🏻 tutti i “non è il momento” che lasci passare perchè c’è sempre altro che ha la priorità rispetto a te?
 
👉🏻 la censura dei giudizi con cui immobilizzi la bambina che sei stata?
 
Perché (spoiler!) quella bambina che sa, che vuole prendere ogni spigolo di ogni mobile e trasformarlo in una leva per sollevarsi da terra, dal mondo, è ancora li che ti aspetta – chiusa nella cantina del tuo condominio interno.
 
E quando impari a togliere di mezzo tutti gli strati, tutto il pieno, tutte le parole, puoi sentirne l’eco, il richiamo.
 
Per questo ogni persona che seguo nel Percorso #10SettimaneXRipartireDaTe torna padrona della sua vita.

Perchè crea valore nella sua vita lavorando PER SE STESSA, SU SE STESSA, CON SE STESSA.

 
(Nei prossimi giorni ti parlerò di quanto ha realizzato e di come si è resa autonoma Irene, dopo un anno nei reparti Covid)
 
 
Perchè non è questione di trovare un PIENO che riempia ciò che di cui sei manchevole…
 
Quanto piuttosto di creare uno SPAZIO che ti permetta di far espandere e crescere te stessa.
 

Se inizi a fare spazio e a togliere gli strati che ti ho elencato, che scelte faresti nella tua vita?

 
Se vuoi farlo insieme a me, per Settembre ci sono ancora 3 posti disponibili: clicca sul bottone qui sotto per compilare il form e richiedere la tua chiamata gratuita di 30 minuti.
 
Insieme faremo chiarezza sulla tua situazione e ti darò tutti i dettagli sul Percorso cosi potrai valutare se il percorso è quello che ti serve in questo momento per svoltare e tornare padrona della tua vita.