SCARICA L’EBOOK GRATUITO

Autostima Incrollabile!

Elimina le 5 frasi che sabotano la tua FELICITÀ
(e scopri quali funzionano meglio!)

Compilando il form, accetti di iscriverti anche alle Psicolettere, la mia newsletter gratuita pensata per essere il momento mensile di self-care per la tua anima

Iscrivendoti alla newsletter, dichiari di aver letto l’Informativa sulla privacy e di aver acconsentito al Trattamento dei Dati Personali ai sensi del Regolamento Europeo n. 2016/679. Proteggerò i tuoi dati come previsto dal GDPR e potrai aggiornarli e cancellarli in qualsiasi momento.

Guida in 5 step per non procrastinare più a lavoro

Ti dici spesso che non dovresti procrastinare, ma non sai come fare?

Non procrastinare: per alcuni dei miei pazienti sembra qualcosa di impossibile. Rimandano perché si sentono sopraffatti dal peso delle scadenze e delle responsabilità che devono affrontare nella vita lavorativa quotidiana: questo rende loro difficile completare i compiti sul lavoro, organizzare il loro tempo libero o mantenere relazioni significative con gli altri.

Si crea cosi un circolo vizioso che sembra impossibile da rompere che..indovina un po? Li porta a rimandare ancora di più!

Desideri anche tu riuscire a non procrastinare più, soprattutto a lavoro? Procrastinare può essere un modo per evitare la sensazione di stress che si prova di fronte a un compito difficoltoso, ma se non gestita può portare ad una spirale negativa di stress e ansia che può causare il burnout.

Nell’articolo di oggi, esploreremo il legame tra la procrastinazione e il burnout e troverai una guida in 5 step per aiutarti a superare la tendenza alla procrastinazione sul lavoro. Sono spunti pratici  psicoterapia della Gestalt che applico tutti i giorni nel mio Percorso “10 Settimane Per Ripartire Da Te”.

Procrastinare a lavoro: ma cosa vuol dire davvero?

Il lavoro può essere una fonte di grande soddisfazione e realizzazione, ma anche di stress e ansia. Spesso, quando ci troviamo di fronte a un compito che ci sembra troppo grande o troppo noioso, tendiamo a rimandarlo. Questa abitudine è conosciuta come procrastinazione, e può portare ad una serie di problemi, tra cui il burnout.

Affrontare questa condizione è importante per riuscire a costruire una vita di qualità, che assomigli ai tuoi desideri. Ma cosa significa davvero procrastinare a lavoro?

Secondo la letteratura scientifica, procrastinare è un “comportamento di evitamento che si manifesta quando un individuo ritarda l’inizio o il completamento di un compito che deve essere svolto entro un certo periodo di tempo” (Steel, 2007).

Visto che la maggior parte del nostro tempo la passiamo lavorando, non riuscire a gestire la propria tendenza a procrastinare a lavoro può comportare una serie di conseguenze disfunzionali per la salute mentale e fisica, tra cui l’aumento dello stress, bassa autostima, senso di esaurimento e sfiducia nelle proprie capacità, fino al burnout (Pychyl & Flett, 2012).

Procrastinazione e burnout sono collegati?

Decisamente si! Burnout e procrastinazione sono strettamente collegati, poiché entrambi possono essere il risultato di stress eccessivo e di un carico di lavoro troppo elevato.

Il burnout è un tipo di stress lavoro-correlato cronico che si sviluppa gradualmente nel tempo a causa di un eccessivo carico di lavoro, pressione e stress emotivo. Quando una persona si sente emotivamente esausta e non riesce a trovare il significato e la soddisfazione nel proprio lavoro, può sviluppare il burnout.

La procrastinazione, d’altra parte, è il comportamento di rimandare o evitare attività importanti o compiti impegnativi, spesso a causa di ansia o stress che può essere causato dal burnout. La persona procrastinatrice può sentirsi sopraffatta e incapace di affrontare i compiti che deve svolgere, quindi tende a posticipare il lavoro fino a quando non è più possibile evitare la scadenza.

In sintesi, si instaura un circolo vizioso: il burnout può portare alla procrastinazione, poiché la persona si sente sopraffatta e non riesce a gestire il carico di lavoro. D’altra parte, la procrastinazione può peggiorare il burnout poiché chi procrastina si sente ancora più stressato e sotto pressione quando si avvicina la scadenza del lavoro.

Come iniziare a non procrastinare più a lavoro

 

Esplorare quali sono le radici della procrastinazione è un passo importante per comprendere veramente questo comportamento e non farsi sopraffare.

Alcuni studiosi suggeriscono che la procrastinazione può essere associata a diverse cause, tra cui l’ansia, la mancanza di autostima, la paura del fallimento e la mancanza di motivazione (Solomon & Rothblum, 1984). Inoltre, può essere influenzata da fattori esterni, come la disponibilità di tempo, le aspettative degli altri o la percezione della difficoltà del compito (Ferrari, Johnson, & McCown, 1995).

Per imparare a superare la procrastinazione, è importante riconoscere le proprie abitudini di evitamento e identificare i meccanismi sottostanti che permettono a questo comportamento di emergere e mantenersi nel tempo.

Ogni giorno aiuto chi sente che arrivato il momento di smettere di procrastinare nel mio Percorso “10 Settimane Per Ripartire Da Te”, attraverso gli strumenti e le tecniche della psicoterapia della Gestalt, un approccio che invita ad esplorare le proprie emozioni, i pensieri e i comportamenti, promuovendo una maggiore consapevolezza di sé e delle proprie esigenze.

Se ne hai abbastanza di procrastinare e vuoi scoprire come riuscire a portare a termine le tue scadenze e i tuoi progetti, continua a leggere. Troverai alcuni spunti per affrontare quello che ti accade in modo più efficace.

Come può aiutarti la psicoterapia della Gestalt?

La psicoterapia della Gestalt ti aiuta a diventare consapevole dei tuoi automatismi e a essere presente nel momento attuale. Insieme, focalizziamo sui tuoi sentimenti e le tue convinzioni riguardo al compito che hai da svolgere e che stai procrastinando. Non ci concentriamo sul passato, ma sul superare i blocchi emotivi e cognitivi che ti impediscono di agire con efficacia nella tua vita di ogni giorno!

Ad esempio, identifichiamo una situazione in cui hai rimandato qualcosa che doveva essere fatto e analizziamo le emozioni e le credenze limitanti che ti hanno portato a questa scelta. In questo modo, individuiamo lo scopo dietro il tuo comportamento e troviamo insieme il modo per affrontarlo.

Poiché ogni persona è unica, il mio approccio è altamente personalizzato per adattarsi alle tue esigenze: il tuo viaggio terapeutico sarà costruito sulla base del tuo racconto di vita e sarà diretto a raggiungere gli obiettivi più importanti per te. 

La tua guida in 5 passi per iniziare a non procrastinare

Se vuoi iniziare a muovere i primi passi di questo viaggio, ci sono alcuni passi che si ritrovano in ogni percorso, che possono diventare la tua piccola guida in 5 punti basata sui principi della Psicoterapia della Gestalt per iniziare a non procrastinare più a lavoro. 

  1. Prendi consapevolezza delle tue emozioni: la procrastinazione spesso deriva da emozioni negative come la paura, l’ansia o l’incertezza. Prendere consapevolezza delle tue emozioni ti aiuterà a comprendere il loro impatto sulla tua tendenza a procrastinare.
  2. Riconosci i tuoi bisogni e le tue esigenze: spesso procrastiniamo perché non abbiamo una chiara comprensione dei nostri bisogni e delle nostre esigenze. Prenditi del tempo per riflettere su ciò che ti serve per svolgere il tuo lavoro al meglio.
  3. Focalizzati sul presente: la Gestalt ci insegna che è fondamentale concentrarsi sull’esperienza attuale, anziché su ciò che è successo o su ciò che potrebbe succedere. Focalizzarsi sul presente può aiutarti a rimanere concentrato e a superare la tendenza alla procrastinazione.
  4. Accetta il fallimento come parte del processo: spesso la paura del fallimento ci porta a procrastinare. Tuttavia, accettare il fallimento come parte del processo di apprendimento e crescita può aiutarti a superare questa paura e a rimanere motivato nel tuo lavoro.
  5. Chiedi aiuto se necessario: se la procrastinazione è diventata un problema per te, non esitare a chiedere aiuto. Questi passi rappresentano un ottimo punto di partenza per gestire la procrastinazione e raggiungere i tuoi obiettivi a lavoro; detto ciò, puoi concentrarti sulla tua esperienza soggettiva e ricevere un supporto mirato e specifico, ritagliato sulle tue esigenze, decidendo di iniziare un percorso individuale.

Vuoi altre risorse per non vivere il peso dell’ansia a lavoro?

Vuoi ricevere altre risorse e spunti concreti per affrontare al meglio la tua vita lavorativa, senza soccombere sotto il peso dell’ansia? Compila il form che trovi qua sotto e iscriviti subito alla mia newsletter mensile, le “Psicolettere”. Per marzo ho preparato  un freebie che permetterà a tutte le persone iscritte di iniziare a lavorare su un altro fattore che favorisce burnout: la famosa sindrome dell’impostore!

Come sempre, nella newsletter troverai pochi giri di parole e molti spunti utili e concreti, da applicare subito per tornare padrona della tua vita, personale e professionale. Ti aspetto li!

Elena Formica

PSICOTERAPEUTA DELLA GESTALT

Sentire, Pensare e Agire sono i tre pilastri della mia vita, professionale e personale.

Non offro risposte pre-confezionate, sono una ninja delle domande. Ti accompagno a mettere in pratica quello che gli altri ti spiegano in teoria. Dal 2015 ho aiutato più di 100 persone a liberarsi dal peso dell’ansia e a tornare padrone della propria vita con il mio Percorso di psicoterapia “10 Settimane Per Ripartire Da Te”.

SCARICA L'EBOOK GRATUITO

Autostima: 5 frasi da non dire più se vuoi farla crescere

Compilando il form, accetti di iscriverti anche alle Psicolettere, la mia newsletter gratuita pensata 
per essere il momento mensile di self-care per la tua anima

Iscrivendoti alla newsletter, dichiari di aver letto l’Informativa sulla privacy e di aver acconsentito al Trattamento dei Dati Personali ai sensi del Regolamento Europeo n. 2016/679. Proteggerò i tuoi dati come previsto dal GDPR e potrai aggiornarli e cancellarli in qualsiasi momento.

Ultimi articoli